La visita a Torino mi ha colpito molto. Soprattutto la condizione dei bambini nei campi Rom. Non riesco a giudicare, a cadere nei luoghi comuni. Mi sento solo di dire che non riesco ad abituarmi all’ingiustizia e alla sofferenza, soprattutto quando tocca i bambini. L’infanzia è sacra e una società civile non può perdere la sacralità dell’infanzia senza perdere la civiltà.

Torino e’ una città che negli anni ha saputo investire sulle periferie, è un modello positivo, sono stati fatti investimenti importanti, c’è stata una cura amministrativa che ha impedito che si verificassero criticità forti come e’ avvenuto in altre città, come Roma.

Le periferie sono realtà sempre più complesse ma è evidente che a Torino c’è sempre stato un buon coordinamento tra le istituzioni, anche in tempi recenti, per l’impiego dei fondi stanziati dal governo con il Bando Periferie, una modalità replicabile in altre città. Quella di Torino e’ la sesta tappa della Commissione che nelle prossime settimane farà sopralluoghi anche in altre città.

22 giugno TGR PIEMONTE – sera

Torino. Prima giorno visita in città della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulle Periferie. Intervista Andrea Causin (presidente Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulle Periferie); Alberto Unia (assessore Ambiente Comune di Torino); Laura Castelli (vicepresidente Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulle Periferie).