“Bari presenta una realtà molto complessa con aree di forte degrado. L’obiettivo di questa due giorni è stata quella di capire quali sono i problemi reali parlando con chi si impegna tutti i giorni e con i cittadini”.

Durante il primo giorno con la commissione ho visitato i quartieri San Pio, San Nicola-Murat e Japigia. Nelle periferie di Bari, “come in molti altri quartieri delle città metropolitane italiane dove ci sono situazioni di degrado, c’è stato un progressivo disinvestimento e disattenzione da parte della politica”. Ho trovato “segnali positivi di impegno nel mondo cattolico e cooperativo che la politica deve sostenere con forza. Servono investimenti infrastrutturali, serve dotare i quartieri di servizi, ma soprattutto bisogna sostenere tutte quelle persone in ambito cooperativo e associativo che lavorano e si impegnano”. “Bari, come città metropolitana, è una delle città più attenzionate e se i fondi per le periferie, come auspichiamo, diventeranno strutturali la città ne potrà trarre grande vantaggio. Questi sono luoghi dove si è concentrata la marginalità, la marginalità dei migranti che arrivano, delle famiglie in difficoltà e su questo la politica deve lavorare, facendo investimenti di grande respiro e lungo periodo”. Il sindaco di Bari, Antonio Decaro ha rilevato le criticità delle periferie baresi “integrazione, questioni economiche e sociali, mancanza di spazi per la socializzazione”, sottolineando proprio la necessità “che il fondo messo a disposizione dei Comuni per le periferie diventi stabile. Occorre un finanziamento costante che consenta ai Comuni di programmare la riqualificazione, in una vera e propria operazione di rammendo dal punto di vista urbanistico”. Nel centro Anspi a Largo Annunziata, a Bari Vecchia, la commissione ha poi incontrato il parroco della Cattedrale, don Franco Lanzolla, rappresentanti della scuola e del mondo del volontariato e del privato sociale, che hanno presentato il Borgo antico come una “periferia psicologica anche se non fisica, chiusa all’interno delle sue mura bizantine che, a volte, sono anche nella testa dei bari vecchiani”. “Qui – ha detto don Franco – vivono circa 170 famiglie in cui almeno un adulto ha problemi con la giustizia. Dobbiamo lavorare sui ragazzi e, a questo scopo, occorre recuperare la figura dell’autorità”. La visita della commissione ha terminato nel pomeriggio nel quartiere Libertà. Sono inoltre stati auditi il Prefetto ed il Questore che ci hanno illustrato i dati sulla sicurezza, inoltre abbiamo incontrato i rappresentanti delle istituzioni locali e dell’associazionismo oltre che aver visitato il quartiere San Paolo.

Guarda i video della missione

Tele Bari : Bari – Tappa barese per la visita della delegazione della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulle Periferie. Intervistato l’on. Andrea Causin, presidente Commissione Parlamentare per le Periferie.

TGR Puglia :Bari – É continuata anche nel pomeriggio la visita della delegazione della Commissione Parlamentare d’indagine sulle Periferie in altre zone periferiche della Città Metropolitana di Bari. Intervistati Laura Castelli, Movimento 5 Stelle, e Antonio Decaro, sindaco di Bari

 

TG Norba : Bari – É iniziata dal quartiere S. Pio la visita della Commissione Parlamentare d’inchiesta sulle Periferie: al termine della tappa si terrà una conferenza stampa in Prefettura.