Ho presentato una interrogazione al Ministro delle Infrastrutture per conoscere, quali iniziative intenda adottare al fine di tutelare le migliaia di piccoli diportisti italiani proprietari del modello di motore Evinrude E-tec 40 cv che, in seguito alle modifiche apportate dal nuovo Codice della nautica da diporto entrato in vigore soltanto il 13 febbraio u.s., non possono più condurre le proprie imbarcazioni a meno che non abbiano conseguito la patente nautica.

Migliaia di piccoli diportisti italiani proprietari del modello di motore sopra evidenziato non possono più condurre le proprie imbarcazioni a meno che non abbiano conseguito la patente nautica. Questa situazione crea enorme disparità di trattamento rispetto ad altri diportisti i quali, pur disponendo di un motore (di altro marchio) con una potenza complessiva pari a quello del motore “incriminato”, potranno invece condurre le proprie unità senza la necessità di conseguire la patente nautica.

>> Interrogazione allegata