Ho interrogato i Ministri della Giustizia e dell’Economia e Finanze per sapere se non ritengano, ciascuno per la propria competenza, di fornire chiarimenti in merito ai motivi che stanno generando il ritardo nell’erogazione delle borse di studio agli aventi diritto all’attribuzione relative all’attività di stage 2017, per lo svolgimento di tirocini formativi presso gli Uffici giudiziari, ai sensi del Decreto Interministeriale (Giustizia-Economia e Finanze) del 22 dicembre 2017, come previsto dall’articolo 73 del d.l. n. 69 del 2013.

INTERROGAZIONE

CAUSIN. Al Ministro della giustizia e al Ministro dell’economia e delle finanze

Premesso che:

il Ministero della Giustizia, con comunicato del 15 giugno 2018, ha reso noto l’elenco degli aventi diritto all’attribuzione delle borse di studio relative all’attività di stage 2017, per lo svolgimento di tirocini formativi presso gli Uffici giudiziari, ai sensi del Decreto Interministeriale (Giustizia-Economia e Finanze) del 22 dicembre 2017, come previsto dall’articolo 73 del d.l. n. 69 del 2013;

ciascun tirocinante che sarà ammesso in graduatoria potrà beneficiare dell’erogazione di una borsa di studio pari a 400 euro mensili, calcolata in base al periodo di svolgimento del tirocinio;

la questione al momento sembra bloccata nei meandri del Ministero, i cui funzionari continuano a parlarci di “massima celerità” leggendo/copiando sempre lo stesso comunicato a chiunque li contatti, ma a qualsiasi domanda più approfondita sembrano non avere la più pallida idea di cosa stia succedendo;

l’anno scorso, in questo periodo, le ragionerie avevano già iniziato a liquidare; ad oggi, invece, risulta che a moltissimi tirocinanti non è stato ancora richiesto l’Iban per poter procedere all’erogazione delle borse di studio;

si pone quindi il concreto pericolo che il Ministero non riesca a versare i soldi entro quest’anno, ciò determinando come conseguenza un ritorno dei fondi al patrimonio del Ministero medesimo, con ulteriori ritardi nell’erogazione;

l’affiancamento a magistrati con compiti di studio, ricerca e redazione di bozze, è risultato particolarmente prezioso, considerate le carenze di organico della giustizia,

l’Interrogante chiede di sapere:

se i Ministri interrogati non ritengano, ciascuno per la propria competenza, di fornire chiarimenti in merito ai motivi che stanno generando il ritardo nell’erogazione delle borse di studio.